DI UNA STORIA POSTUMA

Questa è una storia postuma, la storia dell’avvocato Mauricia Lafont Espriella che, otto giorni prima di essere assassinata a Cartagena de Indias, Colombia, aveva celebrato la scoperta della prova che avrebbe permesso ai nativi dell’isola di Barù di vincere la battaglia per la proprietà delle terre dove potenti gruppi economici stanno progettando di realizzare uno dei più grandi empori turistici dell’America Latina.

L’avvocato aveva incontrato Tomás Barcasnegras Acevedo, l’uomo che si supponeva trent’anni prima aveva venduto parte dei terreni dell’isola a Corbarù, un’impresa rappresentata dai membri delle influenti famiglie Echavarría e Obregón, che in seguito negoziò il contratto con la Corporación Nacional de Turismo. Barcasnegras, un venditore ambulante di 58 anni che alcuni pensavano fosse già morto, non solo era vivo e vegeto, ma si disse pronto a dichiarare che mai aveva firmato un contratto e che quell’impronta digitale non era la sua. La penalista all’inizio fu scettica, ma il venditore le disse: “Non so leggere né scrivere, però le giuro che mai ho chiesto a qualcuno di firmare un documento per me e l’unica volta che ho lasciato la mia impronta è stato per la carta d’identità”. Era vero, lo ha appurato uno studio privato su richiesta dell’avvocato.

La sua dichiarazione fu registrata in un video.

La notte del 27 maggio scorso l’avvocato Mauricia Lafont Espriella e suo figlio adolescente sono stati assassinati davanti alla loro casa nel quartiere Los Alpes di Cartagena. In seguito un altro avvocato che faceva parte della sua equipe hanno rinunciato alla causa e abbandonato la città. Per altro, pochi giorni prima dell’assassinio una radio locale aveva diffuso la falsa informazione secondo cui la Lafont era stata arrestata per ordine della Fiscalía.

Altri avvocati però hanno deciso di portare avanti la causa, per una sorta di “contratto morale” mai stipulato, ma reale, con la Lafont. Il video di Tomás Barcasgrandes è ancora l’arma migliore per fare luce sull’accaduto.

DI UNA STORIA POSTUMAultima modifica: 2005-06-16T10:22:49+02:00da samizdat@v
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento